Festa della Musica 2022

Festa della Musica 2022

L’Ateneo partecipa alla Festa della Musica 2022

Il 21 giugno del 1982, con l’iniziativa ideata dal Ministero della cultura francese, in tutta la Francia, musicisti dilettanti e professionisti invadono strade, cortili, piazze, giardini, stazioni, musei dando vita a un autentico fenomeno sociale.

Dal suo lancio il successo è costantemente cresciuto e ogni solstizio d’estate concerti di musica dal vivo si svolgono in tante città europee tra cui Barcellona, Berlino, Bruxelles, Budapest, Parigi, Praga e, non ultime, in Italia, Roma e Napoli.  

Si tratta di concerti live gratuiti, dal vivo, principalmente organizzati all’aria aperta, che vedono la partecipazione di musicisti di ogni livello e di ogni genere, dilettanti o professionisti.

Nel 2019 hanno aderito più di 700 città e nel 2020, nonostante la pandemia, circa 400. In Italia, l’iniziativa è promossa dal Ministero della Cultura, dalla SIAE, dalla Rappresentanza della Commissione Europea e organizzata dalla AIPFM con RAI come Main Media Partner. 

Quest’anno l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” partecipa alla Festa della Musica 2022 con due concerti nella arena del Rettorato: il 21 giugno con l’esecuzione del gruppo Pink Floyd Legend e il giorno successivo, 22 giugno, lo stesso palco vede le esecuzioni di una selezione di band composte da studenti e studentesse e personale dell’Ateneo, in una serata concepita per aprire i festeggiamenti di FUTURE SIGHT, il 40° anniversario della fondazione dell’Ateneo.

La partecipazione è gratuita ed aperta alla Comunità Universitaria, previa registrazione. E’ possibile registrarsi attraverso la compilazione dei seguenti moduli: 

https://rsvp.uniroma2.it/bands

TorVergata40

TorVergata40
http://web.uniroma2.it/it/percorso/torvergata40

L’organizzazione dell’evento per la celebrazione dei 40 anni dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” entra ora nel vivo: a fine ottobre 2022 – in occasione dell’anniversario dell’apertura del primo anno accademico dell’Ateneo nel 1982 – è in programma una grande manifestazione della durata di cinque giorni.

Il programma sta via via consolidandosi, ricevendo le conferme da parte dei partecipanti che si alterneranno con interventi, dibattiti, presentazioni e tavole rotonde, in italiano e in inglese. 

Al contempo si sta anche delineando un interessante programma musicale per due concerti che si terranno nell’arena del nuovo Rettorato il 21 e 22 giugno: i concerti saranno entrambi inseriti all’interno del programma della Festa Nazionale della Musica, l’iniziativa promossa dal Ministero della Cultura, dalla SIAE, dalla Rappresentanza della Commissione Europea e organizzata dalla AIPFM con RAI come Main Media Partner. 

Gli investimenti previsti dall’Ateneo in termini di rinnovo e potenziamento della struttura di produzione multimediale stanno per concretizzarsi anche nella costruzione dei nuovissimi “Studios” e nel rinnovamento dell’Auditorium.
Sono infine in fase di produzione una serie di video e di podcast che arricchiranno la strategia di comunicazione istituzionale, web e social, che prevede anche il coinvolgimento diretto di studenti e studentesse che opereranno come veri e propri giornalisti per documentare eventi e backstage della manifestazione. 

La comunità studentesca sarà inoltre protagonista dei festeggiamenti grazie anche a tre iniziative immaginate ad hoc: la possibilità di tenere uno speech in pubblico durante la cinque-giorni di ottobre, di suonare con la propria band musicale il 22 giugno e di contribuire allo sviluppo dell’audio-logo dell’evento che si chiamerà FUTURE SIGHT in omaggio all’eccellenza universitaria e al futuro che riusciamo a intravedere e immaginare.
Non mancheranno iniziative di coinvolgimento delle scuole superiori. 

L’evento è sponsorizzato e vede la collaborazione di grandi realtà nazionali e internazionali.
#StayTuned. 

Sul sito www.med.uniroma2.it vengono utilizzati solo cookies tecnici necessari. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookies. Per l’utilizzo di questi cookies non è necessario il consenso dell’utente.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy